Crio-Ultrasuono terapia

Gli ultrasuoni a freddo, come si intuisce dal nome, sono i dispositivi per Crioultrasuonoterapia meglio noti come Crioultrasuoni.

Si tratta di apparecchiature elettromedicali per fisioterapia che basano il loro funzionamento sulla generazione combinata di due diversi mezzi fisici che possono essere applicati contemporaneamente al corpo umano per mezzo di un’unica testa di trattamento apportando notevoli vantaggi in fase di applicazione.

 

Questa metodica di trattamento permette di sfruttare la sinergia offerta dall’uso combinato dei due mezzi fisici che si traduce in un potenziamento dei normali effetti terapeutici delle singole metodiche:

  • Ultrasuonoterapia: Vibrazioni meccaniche prodotte a frequenze di 1 MHz e 3 MHz
  • Crioterapia: Terapia del freddo con valori di temperatura di trattamento regolabili intorno allo zero (limite max -8°C)

Principali punti di forza

I principali punti di forza nell’uso del sistema Crioultrasuoni si possono pertanto sintetizzare in tre punti:

  • Sfruttamento del principio della termoregolazione
  • Annullamento dell’effetto termico del calore indotto dall’ultrasuono
  • Miglioramento delle condizioni di trasmissione degli ultrasuoni

Sul segmento corporeo del paziente in trattamento si instaura un principio di vasocostrizione indotta dal freddo seguita da processo di vasodilatazione superficiale con riduzione della circolazione nei tessuti profondi con benefici nei casi di versamenti.

Drastica riduzione della produzione di calore indotta dal normale funzionamento delle vibrazioni meccaniche prodotte dagli ultrasuoni con evidenti vantaggi nei casi di fase acuta.

Il freddo compatta i tessuti migliorando così le condizioni di trasmissione delle vibrazioni meccaniche ottimizzando gli effetti terapeutici dell’ultrasuonoterapia.

Appare quindi evidente come il dispositivo di Crioultrasuonoterapia sia particolarmente indicato nei casi di fase acuta e sub-acuta.

Crioultrasuoni per fisioterapia

Crioultrasuoni: l’energia fisica combinata di nuova generazione che modula il dolore e l’infiammazione.

Per anni l’infiammazione acuta è stata un “momento biologico” off-limits per il fisioterapista, relegato a comportamenti come il R.I.C.E., la farmacoterapia e l’inattività totale del paziente.

Oggi, con la nuova tecnologia combinata del crioultrasuoni, si apre una frontiera nuova ed inedita che ha come obiettivo quello di “modulare” i processi biologici seguenti ad una lesione recente dei tessuti e di minimizzare le complicazioni immediate.

Così facendo i tempi di guarigione sono ottimizzati ed è possibile un recupero precoce del movimento, condizione determinante per la ripresa rapida delle attività sportive, lavorative e quotidiane. Ristabilire l’omeostasi del tessuto cominciando dal giorno ”zero” aiutando l’immunità innata a ripulire il “campo di battaglia”.

Controindicazioni
  • Gravidanza
  • Neoplasie
  • Cartilagini di accrescimento
  • Protesi articolari
  • Mezzi di sintesi metallici

Orari

Dal Lunedì al Venerdì 7.00 - 20.00

Sabato 7.00 - 12.00

Orario Prelievi  7.00 - 10.30

 

Contattaci

11 + 6 =

Open chat